Domenica, 09 Aprile 2017 10:12

L'ITALIA RESTI FUORI DALLA GUERRA IN SIRIA .

Scritto da 

E’ la prima volta che Dolce Vita lancia una petizione. Lo facciamo perchè non vogliamo restarcene a guardare.

Se siete d’accordo con la nostra richiesta, firmate la petizione e passate parola.

http://www.dolcevitaonline.it/litalia-resti-fuori-dalla-guerra-in-siria-firmate-la-nostra-prima-petizione/

I FATTI
Martedì 4 aprile 2017 sono morte 86 persone (di cui 30 bambini e 20 donne) a causa di un attacco nella provincia di Idlib (Siria), in cui sono state utilizzate armi chimiche. Ad oggi non è ancora chiaro chi sia il mandante: alcune fonti indicano Assad (attuale presidente della Siria) che a sua volta però nega rigettando le colpe sui ribelli che vogliono rovesciare il suo governo. 

La scorsa notte, alle ore 2:30, gli Stati Uniti hanno lanciato 59 missili cruise verso la base aerea siriana di Shayrat da cui si presume sia partito l'attacco con armi chimiche nella provincia di Idlib. Si tratta di missili lanciati da due navi americane di stanza nel Mediterraneo. L'attacco ha provocato 5 morti, tra cui tre soldati e due civili. Altre 7 persone sono rimaste ferite.

Russia e Siria condannano l'attacco voluto dal Presidente Trump. Inghilterra, Israele e Turchia invece appoggiano l'azione degli Stati Uniti. 

RESTIAMONE FUORI
La soluzione a una guerra, non può essere una nuova guerra (che rischia di diventare mondiale). Non è uccidendo altre persone che si risolve la grave situazione del conflitto siriano.
E' giusto verificare le responsabilità del vile attacco di Idlib per poi valutare eventuali contro-misure, ma non aggiungere "benzina sul fuoco" con nuove azioni belliche. 
L'attacco degli Stati Uniti viola il diritto internazionale. 

L'Italia resti fuori da tutto questo e non si schieri con nessuno, né con Trump né con Assad. Porti avanti piuttosto un'azione diplomatica di dialogo e cooperazione internazionale. 

Questa petizione sarà consegnata a:

  • Presidente della Repubblica Sergio Mattarella
  • Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni
Letto 213 volte