Domenica, 02 Settembre 2018 17:09

BRUNO&THE SOULDIERS ft ATOMO.G - PRESENTANO"BLOODY MONEY

Scritto da 
Vota questo articolo
(1 Vota)

Formatosi ufficialmente nel 2014, Bruno & the Souldiers è un collettivo di musicisti in cui Bruno Pittelli, musicista di Soverato (CZ) con trascorsi negli Stati Uniti, riversa il suo amore verso la black music, il soul e il funk.

Grazie alla scena musicale locale incontra i componenti del nucleo principale della band con i quali nel 2016 pubblica un primo demo autoprodotto: Nothing to lose .

Il progetto viene fortemente influenzato dalla passione per band inglesi come Special, The Jam e, in generale, lo ska e il rocksteady.

Il demo, composto da tre inediti e una cover dei Kinks, viene immediatamente notato e apprezzato dalla stampa specializzata grazie anche alla magistrale reinterpretazione di Sunny Afternoon.

Nello stesso periodo la band, grazie all'importante apertura agli Skatalites, viene notata dalla One Drop Fellas Records che, nei mesi successivi gli consente la realizzazione del suo primo EP registrato con tecniche vintage presso le Officine33 di Cosenza.

Dopo la pubblicazione dell’EP Kingston Funky Crime nel marzo del 2018, seguirà, per il collettivo, un proficuo periodo in termini di live nel sud d’Italia, il cui culmine li vedrà partecipare ad un festival reggae insieme, tra gli altri, a Mama Marjas & Don Ciccio e a Jah Farmer.

Successivamente condivideranno il palco anche con ‘O Zulù dei 99 Posse.

Bloody Money nasce come risposta alla grande mobilitazione che in Italia, da sud a nord, ha visto moltissime persone alzare la voce contro tempesta comunicativa anti immigrazione degli ultimi tempi.

Un forte segnale per smuovere le coscienze e per prendere una netta posizione contro chi specula in questa nuova e crudele tratta di esseri umani.

Il brano è stato scritto da Bruno Pittelli presso il suo Brown Home Studio ed è stato mixato e masterizzato da Ciro Princevibe Pisanelli e, oltre a continuare la sperimentazione musicale frutto delle varie influenze del collettivo, segna la svolta verso l’uso della lingua italiana,dopo i primi due lavori in inglese.

Il videoclip – diretto, come il precedente singolo, da Stefano Santo Sinopoli – è stato girato in Calabria e si apre con una frase di J.P. Sartre sulla guerra ed il famoso discorso di Pertini sui diritti umani.

GUARDA BLOODY MONEY

https://www.facebook.com/BrunoandtheSouldiers/

 

 

Letto 150 volte