Rasta

Rasta (34)

Martedì, 10 Luglio 2018 14:42

23 LUGLIO ANNIVERSARIO DI RASTAFARI @ REGGAEMONDY

Scritto da

INCONTRO – MUSICA - CULTURA SU RASTAFARI

 

Il ReggaeMondy si tinge di Verde-Giallo-Rosso, per l'appuntamento del 23 Luglio, ricorrenza della nascita di Sua Maestà Haile Selassie I.

 Un occasione importante per confrontarsi dal vivo sulla filosofia e spiritualità profetizzata da Marcus Garvey e conosciuta attraverso la musica di Bob Marley .

 

In quante canzoni si cita e si parla di Rastafari ? Sia n quello moderno che nel passato?

Dunque al Lido Belvedere un meeting e non solo musica con la possibilità di confrontarsi attraverso uno degli esponenti più attivi in Italia.

Sarà presente Ras Ale di Reggae Revolution.it - un occasione giusta per conoscere e parlare di Haile Selassie insieme a fratelli e sorelle ma soprattutto per coloro che vogliono approcciarsi a questa spiritualità .

 

Anche lo show sarà particolare con una nuovo gruppo in versione Live e Sound System - composto da Ras Ale al mixer - fondatore di Reggae Revolution.it - coadiuvato dalla stupenda voce di Sister Pina.

Una nuova formazione che avrà il battesimo proprio al Lido Belvedere durante il 126° Anniversario di Rastafari.

 

FREE ENTRY PER I PRIMI 50 -  Poi 5 Euro

 

 

Link Evento https://www.facebook.com/events/1143768962432899/

 

 

Sono definiti Apolidi, tutti i rastafarians che vivono in Etiopia senza alcun passaporto o altro documento ormi anche da tre generazioni.

Se ne trovano in migliaia nella terra spirituale del rimpatrio ed in tutti questi decenni, sono stati un caso per la nazione africana che non ha mai fatto nulla per riconoscerli.

Eppure furono invitati da Haile Selassie in persona che regalò loro una terra, una delle più fertili dal nome Shashsmane, dopo che negli anni trenta una delegazioni di Rastafariani venne in aiuto in guerra..

Ben voluti e rispettati da tuti gli etiopi per il loro amore per la terra ed unici nel promuovere i colori verde-giallo-rosso in tutto il mondo, fin ora senza documento non potevano partecipare ufficialmente alla vita della nazione o trovare un semplice lavoro per mancanza di identificazione.

Così potenzialmente impotenti, sono riusciti a conquistare uno spazio importante nella società locale ed in realtà si sono integrati più che mai,

Dagli anni 30 siamo nel 2017 quando arriva finalmente un ottima notizia :

L'Etiopia emetterà carte d'identità nazionali per quasi 1.000 Rastafariani che a lungo sono stati visti come apolidi nella nazione dell'Africa orientale, il governo ha annunciato il provvedimento giovedì.
La decisione fa si che potranno entrare senza visti e vivere senza permessi di soggiorno. La decisione riguarda anche gli ebrei etiopi ed i cittadini stranieri che hanno contribuito positivamente al paese.

“Da subito saranno in grado di entrare e lasciare facilmente il paese", ha detto il portavoce del ministero degli Esteri Meles Alem all'Associated Press.

"Nel caso dei Rastafarians, abbiamo tre generazioni di persone che si trovano qui e si sono uniti bene con i nostri cittadini, ma purtroppo non erano più né caraibici, né etiopi, perciò erano in qualche modo apolidi.

Circa mille Rastafarians vivono in Etiopia, specialmente nella capitale, Addis Abeba, una città meridionale chiamata Shashamane. L'ultimo imperatore dell'Etiopia, Haile Selassie, ha concesso la terra per l'insediamento di Shashamane per i rasta che hanno aiutato a combattere le forze fasciste italiane negli anni Trenta.

 

Fonte: https://www.nytimes.com/

 

Dopo quello intitolato a Peter Tosh, aperto finalmente da qualche mese dopo essere stato in stallo per anni forse decenni, a chiudere la triade arriva il museo di Bunny Wailer.

L'unica differenza che Bunny è una Living Legend, una legenda vivente che aprirà il proprio museo che raccoglie un percorso musicale durato una vita.

 

Forse qualcuno storcerà il naso ad un Museo che celebra un cantante ancora in vita.

Bunny quindi avrà fatto bene ha raccogliere le sue cose preziose per poi preservarle ai posteri ?

Magari lo avesse fatto il suo compagno di band e di vita Bob Marley, tanto che a prima vista guardando il video, rischia che quest'ultimo possa essere quello più ricco di pezzi.

 

Questo lo scopriremo solo Lunedì 10 aprile 2017 quando per il suo 70esimo compleanno aprirà le porte con un'inaugurazione, il Museo di Bunny Wailer.

Parte delle entrate finanzia, questo è importante, il Rastafari Millennium Council, la ripartizione dei benefici economici con la comunità Rastafari!

Piacerà al Governo ?

Dai primi commenti sembrerebbe che non è sta incontrando il sostegno, vedremo cosa accadrà prossimamente.

 

VIDEO TRAILER MUSEO BUNNY WAILER

E' giunta all'ottava puntata della sua seconda stagione Iyahbingi Radio Show, l'unico programma webradio in italiano interamente dedicato alla Spiritualità Rastafari e alle vibrazioni musicali Nyah Binghi.

In onda ogni domenica dalle 21 alle 22:30 su www.reggaeradio.it, Iyahbingi è un'occasione per conoscere meglio la storia e i principi del Movimento Rastafari, dalle sue origini in Jamaica fino ai giorni nostri, per condividere gli insegnamenti di Haile Selassie Primo, l'interpretazione Rastafari della Bibbia e ragionare sulla Livity Rastafari ed il modo di vivere dei fratelli e delle sorelle Rasta.

Con Brother addUbba alla selezione musicale e Ras Julio ai reasoning, Iyahbingi Radio Show è uno spazio di condivisione di positive vibration non solo per chi è Rasta ma anche per chi è interessato a questa cultura e ne apprezza il messaggio.

Tutte le puntate vengono poi caricate sul canale Mixcloud..quindi è sempre possibile riascoltarle.

One Love!!

 

Links

Profilo reggaeradio.it: http://www.reggaeradio.it/show/iyabingi/

Pagina Facebook : https://www.facebook.com/Iyahbingi-Radio-Show-275791472432987

Canale Mixcloud : http://www.mixcloud.com/iyahbingi/

 

Un holding punta a rendere la Marley come la "Marlboro Marijuana". Il primo marchio mai registrato in Giamaica, si chiama come il profeta del Reggae.

La scelta del nome, già da sola ha sollevato polemiche intense che approfondiremo di seguito.

La reazione nella patria della superstar è stata accolta un po' in sordina se non fosse per l'intervento del Rastafari Millennium Council che sui social network è stata dura e forte con i commenti che non lasciano dubbi.

La famiglia Marley ha dato in concessione ad un team di ricconi americani l'uso del nome del padre.

Persone non Rasta hanno annunciato al mondo intero che il primo marchio di cannabis giamaicano avrà il volto di Bob Marley.

Diversi post accusatori del Rastafari Millennium Council, per aver concesso l'ora verde dell'isola in mano a dei speculatori stranieri

Secondo Bunny Wailer, l'unico in vita dei tre, ha raccontato che non è giusto chiamarla così.

Del gruppo fu quello che ebbe meno a che fare con la ganja. Sia lui che Peter furono arrestati per difenderne i principi.

Sul tema, la posizione di Bob era più tiepida e pacata, ... continua raccontando.... Peter Tosh fu l'unico ad essere finito in carcere per mezzo spinello che stava fumando e non volle cedere alla polizia finendo per sfidarla e poi come tutti sappiamo in carcere.

A questa premessa che fa realmente riflettere, si scopre oggi che ha commercializzarla saranno dei bianchi, affaristi senza scrupoli che non hanno nulla a che fare con Rastafari e per di più Americani.

Bob la definiva l'America come la terra di "diavoleria pura". Ma l’appeal ad un nome così conosciuto è maggiore e di conseguenza le vendite.

Sarà stata rispettata il tacito assenzio di Robert Nesta ?

Decisamente No secondo la comunità Rasta sull'isola e secondo voi ?

 

Martedì, 20 Settembre 2016 17:44

E' MORTO L'ATTORE DEL FILM CULT "COUNTRYMAN"

Scritto da

E' scomparso Edwin "Countryman" Lothan, stella del video cult Countryman del 1982. Nella pellicola interpretava il ruolo del pescatore. Aveva  70 anni.

Countryman è diventato famoso a seguito dell'uscita del film omonimo, scritto e diretto da Dickie Jobson e prodotto da Chris Blackwell.
L'attore è stato scoperto casualmente nella spiaggia isolata dove viveva. Un colpo di fortuna.

La sua personalità coinvolgente è anche ciò che la vedova di Henzell, Sally, ricorda su Countryman.
"Ci siamo incontrati nei primi anni '70. Per arrivare a Hellshire si doveva prendere una barca per raggiungere questa incredibile spiaggia. Sono stato colpito dal suo incredibile senso dell'umorismo e di saggezza.", ha detto al Jamaica Observer.

"Siamo stati attratti da lui immediatamente. Era così sorprendente, uno degli uomini più intelligenti che abbia mai incontrato.. Il suo linguaggio era come quella di un poeta. Poteva discutere di una vasta gamma di argomenti con senso profondo di cose come la politica, la religione e la spiritualità. Era profondo e così unico. Eppure non aveva istruzione formale. Siamo stati molto fortunati ad averlo incontrato ", ha continuato Henzell.

Countryman ha interpretato un secondo film di Perry Henzell, dal titolo No Place Like Home. Ma si sa solo questo e poco più , visto che questo film è ancora inedito. La sua uscita è prevista entro la fine dell'anno.

A noi piace  piace ricordarlo così, in attesa di rivederlo nel nuovo film.

 

E' MORTO L'ATTORE DEL FILM CULT "COUNTRYMAN"

Più confortante, ancor più dell'apertura del primo museo su Peter Tosh in Giamaica a Kingston, è la foto della sulla sua famosa chitarra nelle mani della figlia.

La chitarra una perfetta imitazione di un mitra M16, ha alle spalle una lunga storia turbolenta di passaggi di mano non sempre autorizzati..

Intanto finalmente sarà pronto in estate il museo di Peter Tosh, un grande passo in avanti rispetto alle previsioni. Erano decenni che se ne parlava nella location del Mausulem di Belmont.

E' stato necessario l'intervento di Cooper, produttore del SuperJam dell'1983, nell'ultima performance di Tosh, ha guidato lui l'iniziativa per la creazione del museo, solo dopo una la lunga trattativa che si è finalmente realizzato.

 

"Il grande sostenitore Rasta per la parità di diritti e la giustizia, per l'abolizione dell'apartheid e per la legalizzazione della marijuana, avrà una casa dove sarà ora debitamente onorato, ha detto Cooper.”

Il Museo presso il Centro The Pulse su Trafalgar Road avrà anche una plaza dedicata, la Peter Tosh Square. Conterrà una collezione di affascinanti cimeli Tosh e manufatti che hanno incuriosito e incantato amanti e collezionisti di musica reggae per decenni, tra cui la famosa chitarra M16 di Tosh e il suo amato mono-ciclo.

 

I visitatori potranno rivivere gli aspetti del non-conformismo, futuristico e della creatività di Peter attraverso registrazioni audio e video che caratterizzano la superstar. Merchandise esclusivo sarà disponibile in loco.

"Questo è un importante punto di svolta nella conservazione e promozione del patrimonio, il museo consolida il messaggio di mio padre di parità di diritti, di giustizia e di essere ascoltato da generazioni, giovani e meno giovani,"

 

Niambe McIntosh, figlia e amministratore della Peter Tosh imbraccia la M16 con tutte le più alte autorità dell'isola.

 

 

 

Peter Tosh "Coming in Hot Hot Hot" Rare performance with M16 Guitar

Il futuro Imperatore d'Etiopia Haile Selassie I, nasce il 23 luglio 1892 ad Egersa Goro, Etiopia. 

Colui che discende dalla casa di Davide sarà anche Negus Neghesti e ultimo imperatore d'Etiopia.

 Un video semplice ma efficace per spiegare la fede ed i principi di un Rasta.

 

 Vi segnaliamo questo evento a Castelvolturno, ma saranno diverse le città coinvolte nei festeggiamenti della nascita di Rastafari.

 

MIRIAM MAKEBA SUMMER EDITION
“ I GRANDI DELLA TERRA “

23 Luglio RASTAFARY EARTHDAY

https://www.facebook.com/events/861778960619861

 

 

 

 Hailé Selassié imperatore dell`Etiopia - 

 

Fonte http://www.raistoria.rai.it

 

 

 

 

 

 

Il principe Ermias visiterà la  Giamaica per l'Anniversario dei 50 anni dalla storica visita del nonno il 21 Aprile 1966.
La venuta prossima del nipote dell'imperatore Haile Selassie in Giamaica ha suscitato tensioni tra alcuni membri della comunità Rastafari.


Ancora una volta i Rasta devono alzare la voce per fare valere i loro diritti cosi come hanno dovuto fare per integrare nella legge la depenalizzazione ad uso spirituale.


Questa volta è un diritto negato, Bunny Wailer, innesca la polemica e fà pesare la scelta di escludere dal percorso del nipote di Selassie in visita sull'isola. Non comprenderebbe la Yard dove la spiritualità e la musica si sono fusi e sono cresciuti a braccetto.


Bunny se la prende contro il Dr. Michael Barnett e Maxine Stowe colpevoli di non aver incluso Trech Town nel percorso del corteo ufficiale di Prince Ermias, questo è il nome del nipote.

 

Domenica, 06 Dicembre 2015 11:13

DELROY LINDO SARÀ MARCUS GARVEY- NUOVO FILM BIO

Scritto da

La vita e l'opera di primo eroe nazionale della Giamaica Marcus Garvey icona nera e profeta Rasta uscirà prossimamente nelle sale cinematografiche. Un film autobiografico che racconterà la figura legata alle radici del movimento black, con tutte le difficoltà nel realizzare il primo giornale e la prima compagnia nera di navigazione, fino alla condanna in America per molti ingiusta,

Il protagonista che interpreterà Garvey, sarà il popolare attore britannico Delroy Lindo

Lo ricorderete nel fim Malcolm X del 1992, Gone in 60 Seconds, This Christmas and Romeo Must Die. E 'piaciuta molto la scelta di Lindo, 63 anni, per rappresentare Garvey visto che è nato da genitori giamaicani.

L'attore è cresciuto a Lewisham, Inghilterra, Regno Unito durante la sua adolescenza, poi si trasferì a Toronto in Canada

Chissà se il film contribuirà a rivalutare la figura di Marcus Garvey soprattutto a far togliere quella condanna per reati finanziari alla fine del mandato del primo presidente di color.

 

 

 

 

InizioPrec123SuccFine
Pagina 1 di 3