Recensioni

Recensioni (62)

Dopo la morte di un grande artista, l'eredità crea sempre problemi. Per chi la deve accaparrare, ricevere in parte o gestire i beni.

Sugar Minott, non ha lasciato testamento, per cui ci si affida al giudice per sapere la giusta ripartizione tra i suoi familiari dei suoi beni mobili ed immobili.

Intanto sono passati 8 anni.

 

Oltre alla tenuta, c'è in gioco anche l'etichetta , gli studi, i diritti discografici ed il concerto annuale.

Ma anche la manutenzione e la gestione della responsabilità soprattutto quando si organizza un evento.

Troppo tempo impiegano le vie legali, sono passati otto anni, intanto tutto è fermo.

 

La ex moglie Stowe sostiene che c'è un problema gestionale. Dalla morte di Sugar Minott, nessuno si è preso cura delle bollette e della manutenzione. Chi si assume ora la responsabilità ora dell'evento ?

Pashon, la figlia che non vive in Giamaica , ha già ricevuto tutti i permessi necessari per la celebrazione ed è determinata a far svolgere l'evento.

Ne è nata una dura diatriba, poi terminata con la pace.

 

Quest'anno a rischio, c'era l'anniversario del marito e del padre. Un assurdo non farlo svolgere, tra gelosie e lentezza burocratiche, lo Sugar Minott Day Celebration andrà in onda per la quinta volta nella sua Yard.

 

Il 25 Maggio, tutti potranno ricordare un concerto, un grande uomo, una grande eredità soprattutto spirituale e sociale, quella lasciata tramite la Youthman Promotion.

L'evento si svolgerà regolarmente nell' HQ di Kingston in Jamaica.

 

VEDI  - HOTJ's Sugar Minott Tribute

 

 

 

 

 

Venerdì, 12 Ottobre 2018 11:36

ALLA SCOPERTA DELLA CANAPA IN MOSTRA - 5° EDIZIONE

Scritto da

Per la 5° edizione consecutiva presso la Mostra d'oltremare di Napoli, si svolgerà la Fiera della Canapa Industriale e Medica.

Un avvenimento importantissimo nella città partenopea che si svolgerà come ogni anno a fine Ottobre e precisamente dal 26 al 28 ottobre 2018

Spazi sempre più grandi e con un crescente numero di espositori. Un successo crescente, che quest'anno batterà un nuovo record di partecipanti, per ammirare i più svariati prodotti realizzati con la canapa: dai generi alimentari (pasta, farina, dolci, gelati) alle bevande (vino e birra), passando per prodotti di cosmetica oltre, naturalmente, ai materiali utilizzati per la coltivazione della canapa.

Non mancherà, come sempre, il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, che lo scorso anno trascorse un’intera giornata tra i padiglioni della Mostra d'Oltremare, sintetizzando così le sue sensazioni: «La città di Napoli sarà sempre aperta al dinamismo dei giovani e del Sud Italia>>

 

Non mancheremo anche noi di Reggae Revolution.it per raccontarvi cosa accade all'interno dei padiglioni

 

Intanto qualche dritta sulla Green R-evolution 5 la potrete trovare sul sito ufficiale alla pagina Programmi Eventi

 

https://www.canapainmostra.com/programma.php

 

Non mancherà la musica, tra cui anche il Reggae a fare da contorno ad una Manifestazione da non perdere

 

Sito Ufficiale

www.canapainmostra.com

 

 

Sabato, 08 Settembre 2018 11:16

ALBOROSIE + LUCIANO @ ESTRAGON REPORTAGE Esclusivo

Scritto da

Un nuovo reportage fotografico si aggiunge alla nostra Gallery. Questa volta in Italia e solo all'ultimo momento grazie alla cortesia del Rock Planet Club che ci ha permesso di partecipare. La nostra Stefania è riuscita a raggiungere l'Estragon, uno dei migliori locali di Bologna per seguire dal vivo uno degli eventi più attesi.

Luciano, apre la serata ad un tour speciale quello di Alborosie che arriva nel bel paese con il suo nuovo album in combination con The Wailers, il famoso gruppo che porto al successo Bob Marley.

Non potevamo che essere presenti per raccontarvi con i migliori scatti cosa è avvenuto, un esclusiva targata Reggae Revolution.it

 

ALBOROSIE + LUCIANO ESTRAGON – REPORTAGE Esclusivo

 

 

 

Reportage a cura di  Stefania

 

 

Sabato, 01 Settembre 2018 14:24

ROOTS & CULTURE REGGAE FESTIVAL 2018 - REPORTAGE Esclusivo

Scritto da

Ancora un altro Festival si aggiunge alla Gallery di Reggae Revolution.it che annovera ormai i Reportage delle manifestazioni in tutto il mondo. Non importa il paese o la distanza, la Family riesce ad arrivare ovunque e testimoniare con Recensioni, Foto i momenti più significativi anche in tempo reale sul gruppo di Facebook.
Link Gruppo Ufficiale Fb

Quest'anno il 20 Anniversario del Rebel Salute, il Sumfest in Giamaica con il World Clash ed il 25 Anniversario del Rototom Sunsplash. Nel mezzo il Roots n Culture con numerose foto che testimoniano l'ottimo lavoro di Stefania. Riusciamo a proporre al nostro pubblico il meglio degli eventi e scusate se è poco.

Il Roots n Culture si è svolto al Camping Girasole Park  di Lignano ad Udine ed è stato un successo.
Peccato per Capleton che per problemi di visto è stato ottimamente sostituito. Per chi ci segue, sa che Fire Man ha una denuncia assurda ancora da depennare. L'infame è una donna un arrampicatrice sociale e Capleton la preda da spennare.

Di seguito la Gallery dei momenti più emozionanti scattati dalla nostra Stefania Braccagni


ROOTS & CULTURE FESTIVAL - 2018  REPORTAGE Esclusivo

 

Gruppo Ufficiale Fb
RootsnCulture Reggae Festival

 

 

Accreditati ufficialmente, vi raccontiamo cosa è successo all'interno ed all'esterno del Rototom Sunsplash 2018, da una prospettiva unica, partendo dalle quinte. Fondamentale per noi, posizionarsi nel backstage, Radio inclusa, per poi estendere il nostro range a tutto il paese incredibilmente coinvolto.

-25 Years Walking Together- unito al simbolo della pace, questo il motto di un edizione speciale dedicata all'anniversario dei 25 anni del Festival nato in Italia. Particolare attenzione è stata riservata al passato, agli artisti con cui si è creata questa speciale alchimia, capace di trascinare oggi, oltre 200.000 persone in Spagna a Benicassim.

Perché il Rototom è un esperienza totale, non ci si limita ad andare ad un concerto. E' un raduno dalla durata di 8 giorni, una comunità che nessun altro festival può vantare. Non esiste nulla del genere in nessun altra parte del mondo.

Benicassim si trasforma completamente, le vetrine diventano colorate verde-giallo-rosso e la musica reggae sempre in sottofondo. Per tutta la durata del festival, diventa Reggaecassim, la più grande cittadella della cultura, della solidarietà fondata dal Rototom Sunsplash.

PRIMO IMPATTO:

Da non credere, tantissima gente in fila, fino a notte fonda. Sì, c'è il pienone nonostante diverse entrate ampie e ben organizzate. Una per i vendors, biglietti e prevendite separate, l'immancabile Accrediti Stampa e Guest. Salendo si arriva al camping completamente sold out dalla prevendita.

Superiamo il varco, appena entrati ... un esplosione di colori e musica dinnanzi a nostri occhi.

Subito dopo la Welcome area , sulla sinistra la prima sorpresa : il Leone che domina e cattura l'attenzione dei più veterani. E' quello vero. Disegnato da un fratello della comunità Rasta Italiana, è stato sul main stage numerose edizioni passate.

UN VIAGGIO TRA LE AREE :

A destra il Lion Stage dove non sono mancate le sorprese. Tante le belle esibizioni come quelle di Alpheus , Hollie Cook, il 30th Anniversary di Zion Train con Dubdadda, Raiz, Nish Wadada, Paolo Baldini, Paolo Polcari. Anche i Train To Roots e le Hi Shine, un gruppo di tutte donne si sono distinti.

Sulla stessa linea il Caribbean Uptempo per gli amanti dello Ska, solo 50 metri dopo il Jumping dove Vito War, ha spaccato fino al mattino e riempito il tendone e tutta la piazza dedicata a Bob Marley.

Basta spostarsi di poco per inquadrare l'African Village, enorme ...
Al suo interno segnaliamo il ristorante Etiope, uno dei migliori in tutto il parco. Un esperienza gastronomica unica sulla cucina africana.
Il villaggio africano è corredato di palco abbastanza grande, situato troppo vicino all'House of RastafarI. Forse sarebbe meglio un'altra collocazione.

Sulla destra il Foro Sociale molto attivo, a sinistra, No Profit Area ed il Rototom Circus, un circo per davvero con tanto di giocolieri e trapezisti .

Il fantastico Magico Mundo, dove abbiamo visto sorridere e dormire coccolati tantissimi bambini.
L' Area dedicata ai più piccini era vicinissimo alla bellissima postazione Radio.

La Radio e TV del Rototom ha un look fantastico ed è composto da due piani con un finestrone con una visuale incredibile che punta sul Main Stage.
Dietro un piccolo backstage composto da professionisti, appassionati ed innamorati di questo lavoro, duro e faticoso. Cosa che accade solo nel backstage della Radio Ufficiale del Rototom Sunsplash, si è creata una vera reunion di operatori e media.

La Dub Area, fantastica per i contenuti e per gli artisti che ha proposto.
In questa edizione Jah Shaka e la storica combination Alborosie e King Jammy, sarà ricordata a lungo.
Ogni notte pienissima.

Appena fuori dalla portata dei sub, si rientra bruscamente nel tripudio musicale del reggae village. Scendendo molto vicino, forse troppo si giunge all'enorme Dancehall Area.

La Dancehall Area è la regina delle yards, è stupenda ed ha una coreografia spettacolare. Tutti vorrebbero suonarci con una massive così numerosa. Il sound residence, composto da Lampa e Northern Lights, ha dovuto lavorare duro. Subito l'apertura Spice accompagnata da un gruppo di ballerine lo show più coinvolgente in assuluto.

Costeggiando la dancehall, arriviamo al Reggae University, il tendone dedicato alle conferenze e progetti. Tutti i giorni attività interessanti, segnaliamo particolarmente Who jump the gun? – Violence in contemporary Jamaica con Cocoa Tea, Maria Carla Gullotta e Sonjah Stanley Niaah - Alpha Boy's School – The Cradle of Jamaican Music , Rasta Seminar: Forward to the soil – Rastafari charity farm in Jamaica e Gentleman Rudeboy – David Rodigan 40th anniversary in reggae.

Curata nei minimi particolari è la Zona VIP ed il Backstage, corredato di schermi e divanetti per poter seguire sempre tutto, c'è anche un piccolo palco che guarda lo stage principale. All'interno il miglio bar e il miglior caffè espresso di tutta Benicassim.

Superato il backstage nella zona dedicata all'Artigianato la piccola Roots Yard a noi tanto amata per averla proposta e curata i primi anni. Si trova però sul fianco del Main Stage, che limita il raggio d'azione della musica della Roots Yard.

PALCO PER I DIVERSAMENTE ABILI
Ci ha sorpreso vedere il palco per i diversamente abili, lo si dovrebbe trovare ad ogni concerto. Questo fa rendere conto di quanta attenzione il festival ha per chi non è fortunato come noi. Il Rototom è stato progettato a barriere zero per permettere a tutti di muoversi liberamente ed accoglie oltre 4700 diversamente abili.

MASSIMA ATTENZIONE ALLA PLASTICA
L'attenzione alla natura ed alla plastica con il bicchiere ed il token che ha permesso veramente l'abbattimento ed una forte riduzione dei bicchieri. Con 1 euro hai il tuo bicchiere che puoi convertire con un token se non vuoi portatelo dietro. E' anche un bel souvenir da portarsi come ricordo.

OPEN ARMS
Legato al bicchiere l'intelligente iniziativa di Open Arms. Al termine della nottata se doni il bicchiere loro lo trasformano in un token e poi in euro per destinarli ai più bisognosi

AREA RELAX

 

I MIGLIORI CONCERTI SUL MAIN STAGE :


Iniziamo da grande colpo, l'esibizione di COCOA TEA & KOFFEE, tra le più acclamate in Jamaica al Rebel Salute di quest'anno. Come primo giorno, la vibes è fortissima

SLY & ROBBIE FT YELLOWMAN, JOHNNY OSBOURNE, BITTY MCLEAN
Probabilmente uno degli ultimi concerti del duo riddim, vista l'età incalzante. Ottimo il featuring e piacevole tutto il concerto

THE SKATALITES FT DERRICK MORGAN, DOREEN SHAFFER, VIN GORDON
La storia e la nascita della musica made in Giamaica, in assoluto si deve a questi artisti. Vederli insieme in una reunion è semplicemente spettacolare. Sarà difficile ritrovarli insieme, avviene solo in poche occasioni come questa.

DAVID RODIGAN & THE OUTLOOK ORCHESTRA
Un orchestra completa di violini sul palco è un esperienza unica per chi assiste ed ascolta. La musica in levare si eleva alla sua massima potenza e qualità. Tutto il resto è rumore.

ALBOROSIE & SHENGEN CLAN FT MEMBERS OF THE WAILERS, DUANE STEPHENSON
Protagonista assoluto Pupa Albo prima con la sua Shengen Clan band poi da dub-master ed infine con i The Wailers per promuovere il suo nuovo album in combination con il gruppo più famoso giamaicano.

ROMAIN VIRGO
Fantastico come mantiene il palco e la sua voce è la migliore delle ultime generazioni. Virgo è un gran talento e migliora sempre più.

PROTOJE
Non ci aspettavamo un esibizione così convincente. Nonostante conosciamo le sue potenzialità, è andato oltre l'immaginabile.

ITALIAN REGGAE ALL STARS
Per questo anniversario è stato pensato l'Italian Reggae All Stars – il gruppone composto da Africa Unite, Giuliano Palma, Raiz, Brusco, Nina Zilli, Michela Grena con i Train To Roots con la band al completo da supporto per tutti.
Uno show simbolo di quest'edizione per rinforzare le radici ed i legami con gli artisti che sono sempre stati vicino durante questi 25 anni.

 

 

ROTOTOM : NUMERI DA RECORDS
Il Rototom Sunsplash festeggia i 25 anni di attività con 208.000 presenze provenienti da 66 paesi, Ben 10 milioni di persone che hanno utilizzato lo streaming.

Ma sono i seguenti dati a far riflettere e scoprire cosa veramente offre questo fantastico festival iniziando da 16.000 minori di 13 anni, 5.200 maggiori di 65 e 4.700 persone con disabilità ed un un palco dedicato tutto a loro.
Più di 377 proposte culturali, una media di 55 al giorno.

La cultura, il divertimento, l'arte, e tutte le attività per quasi 17 ore al giorno con 13 aree extra musicali del festival. In totale il pubblico ha potuto assistere a 247 spettacoli, con 420 ore di show e 130 attività extra musicali. Più di 55 azioni da scegliere ogni giornata.

I social network Facebook, Twitter e Instagram solo l'ultima notte hanno coinvolto 6,5 milioni di persone

Ringraziamo l'organizzazione per l'Accredito Media

 

 Web Site ITA : www.rototomsunsplash.com

 

 

 

 

 

Martedì, 24 Luglio 2018 16:13

REGGAE SUMFEST WORLD SOUND CLASH 2018 - RECENSIONE VIDEO

Scritto da

In quest' edizione il meglio del meglio dei sound system internazionali. Tony Matterhorn il detentore del titolo sfida a colpi di dubplate al Pier One in Mobay, Ricky Trooper, i giapponesi i Mighty Crown e Pink Panther.

Il pubblico non è quello delle grandi occasioni e come accade solo in Giamaica in pochi ballano.

Come sempre accompagniamo la breve recensione con i vide di tutto lo show per apprezzare al massimo tutte le chune personalizzate.

 

PRIMO ROUND

Apre il primo round Ricky Trooper con diversi killa dubplate e quasi un riddim intero personalizzato, una session costruita molta bene.

Secondo round per Matterhorn il vincitore della passata stagione, punta subito tende a stabilire la sua predominio territoriale , “Nessuno può suonare i suoi artisti e soprattutto quelli di Mobay e dintorni. Il “Mobay Empire” lo definisce il deeejay sua esclusiva ed arriva a breve Tommy Lee. Bella la parte finale con Beres, Marcia e Junior Byles.

Terzo tempo per Mighty Crown, che chiedono silenzio per la loro prima, tra il pubblico si vedono anche bandiere giapponesi. I giapponesi sono una squadra, si vede e sono venuti agguerriti. Subito chiariscono che anche se sono stranieri ne sanno ed hanno vinto di più degli altri in gara stasera.

Pink Panther ultimo del primo round, partono soft, forse anche troppo, qualche attacco deciso me sono i meno incisivi. Le due session centrali a nostro avviso le più interessanti.

 

 

SECONDO ROUND

Dopo la presentazione dei 4 sound nel round di presentazione, parte quello ad eliminazione. 

E' sempre Ricky Trooper ad aprire il match. E' un duro attacco a tutti gli altri con rime offensive come “ i giapponesi usano il sapone e creme sbiancanti, Tony Matheron chiamato Tony cic*man- Medication dei fratelli Marley sicuramente di un altro livello, dopo le offese a iosa. Mavado Sizzla tra le migliori ma l'organizzazione dello show non convonce. Diverse volte va al portatile a controllare,forse cambiare qualcosa. Si capisce che c'è l'ha con i Mighty Crown e contro di loro l'ultima chune.

Anche Tony Matheron ha il dub di Medication ed il vantaggio di poter parlare per secondo. Lo speech di Capleton non è dei più convincenti, si ripeterà poi. Un tributo a Vibez Kartel, e chiama il dub di Kartel. Insiste sul Mobay Empire e Mavado.

Il mic passa ai giapponesi Mighty Crown che si presentano come foreign yardi e black heart sound. Sizzla e Bounty aprono la session. Il ritmo ora è più veloce più veloce ed alla terza tune di Buju, la prima forte reazione dei presenti. Meno speeck e più pezzi uno dopo l'altro. La loro session punta a abbattere il campione in carica, la tattica è chiara, puntare in alto. La miglior esibizione fin ora.

The General is on de stage. Pink Panter parte con Cocoa Tea, Luciano, Richie Spice tutte sullo stesso riddim. Le successive di Sizzla e Bounty non bastano ad infiammare la yard esigente. Non male quella di Buju ma lo show non prende quota e la votazioni non sono molte.

 

TERZO ROUND

Al terzo round non c'è Pink Panter eliminato.

Troopa oltra a Buju caccia Jah Cure eBounty Killa sulla stessa chune non è cosi incisivo e rischia l'eliminazione.

Tony Matheron apre su Troopa ridicolizzandolo, poi parte con lo Ska, per arrivare a Capleton e la gente si fa sentire. Il turno successivo è per i giapponesi. Si è organizzato bene per attaccarli con una serie di speciali incredibili con Benne Man ma eccede con prole irripetibili sulle madri degli avversari. Matheron è un altro show rispetto a Ricky Trooper- Si capisce bene che detiene il titolo nonostante ma lo slackness ed il badness cosi espliciti sono un arma a doppio taglio .

 Mighty Crown mettono subito i chiaro che non gli sono piaciute le offese alla madri. Invocano il rispetto perché non si può arrivare a tanto. Chronixx è il primo di una lunga serie di pezzi di qualità, e Barrington Levy spettacolare subito acclamato dalla massive. Mighty Crownribadiscono che sono i più famosi e suonano ovunque perchè hanno una serie di dub spettacolari e li suonano uno dopo l'altro senza risparmiarsi. Non manca nessuno nella loro raccolta infinita.

 

 

TUNE FI TUNE

Passano al tune fi tune Tony Matheron e Mighty Crown

Questo vide che segue, è da vedere assolutamente senza commento. 

Va vi anticipiamo che Tony Matheron difenderà la scelta di suonare Spice nel round eliminatorio, mai fatto al tune fi tune. naturalmente attaccato dai Giapponesi.  Inspiegabile il silecta di Matheron che se ne va nel mezzo della sfida tutta da vedere.

 

 

 I vincitori del REGGAE SUMFEST WORLD SOUND CLASH 2018 sono i Mighty Crown

 

 

 

 

 

Vi faremo vedere il nuovo video di Ras Tewelde sotto un altro punto di vista, quello della Family di Reggae Revolution.it.

In pratica ne abbiamo girato uno tutto nostro ed inserito parti del concerto live con la band,  tenutosi gratuitamente alle Monachelle per sostenere i diritti umani.

 

Il risultato è un mix di emozioni dal Centro Fernandes alle Monachelle liberate, anche l'intera troupe è rimasta sorpresa dalla belezza suggestiva dei luoghi.

 

Un ringraziamento speciale alle due giovani interpreti: Genny Kanayor e Naomi Oduah ed ad tutti i ragazzi che ci hanno aiutato alla realzzazione del video ufficiale e backstage.

A tutta la Family di Reggae Revolution, al Centro Fernandes in Castel Volturno ed al Comitato delle Monachelle di Arco Felice.

Big UP !

 

 

THERE IS A WAY OFFICIAL backstage VIDEO

Video ESCLUSIVA

 

 

 

THERE IS A WAY OFFICIAL reportage FOTO

REPORTAGE FOTOGRAFICO esclusivo

 

THERE IS A WAY official VIDEO


 

Recensione:

Le immagini fortemente emozionali rispecchiano alla perfezione il testo della nuova canzone scritta da Ras Tewelde e prodotta dalla Jamrock Records.

There is a Way “ è girato tra Castelvolturno e Pozzuoli, due location selezionate con cura grazie alla aiuto sul campo dei fratelli di Reggae Revolution.it

 La prima parte presso il Centro Fernandes punto di riferimento nella provincia di Caserta, dove c'è la più ampia concentrazione di migranti.

La seconda, presso le Monachelle di Arco Felice, area destinata ai cittadini, lasciata nel totale abbandono per decenni e riportata all'antico splendore dalla comunità locale e diverse associazioni.

 

Il video , racconta di un sogno, di una giovane ragazza di colore, quello di diventare cantante e nonostante venga schernita e presa in giro, dagli amici più grandi, alla fine la costanza viene premiata e riesce a salire sul palco per la prima volta.

 Questo è il messaggio del Rasta italiano Ras Tewelde, per le nuove generazioni :

“ Non sentitevi smarriti dinnanzi alle difficoltà, quando tutto sembra andare male, se c'è la volontà e la passione, qualunque sogno si può realizzare basta seguire la giusta strada “

 

La vita offre sempre una possibilità ed una strada per non cadere nell'illegalità ed è questo il senso della nuova canzone, ma attenzione, bisogna crederci sempre e costantemente.

 

--------

 

Ras Tewelde - There is a Way

Produced by Jamrock Records (http://www.jamrockrecords.com)

Ras Tewelde Official page : https://www.facebook.com/rastewelde

 

 

 

 

Oltre 36 artisti uno dietro l'altro, dalla notte fino al mattino inoltrato rivivrete con noi la 25esima edizione del Rebel Salute svoltasi in Jamaica nel Parish dove nacque Bob Marley. Il festival Rasta chiamato "The People Show" è quello più vicino alla gente ma sempre più internazionale ed una risorsa per l'isola.

INTRO

Siamo nella seconda giornata, quella da sempre più ricca di contenuti ( vedi Prima Giornata Part 1 )
Inizio promettente sembra sereno ed invece il tempo svolta, inizia a piovere costantemente.
Scopriamo con grande sorpresa che invece in tanti ci credono. Chiusi in macchina per ripararci, seguiamo l'affluenza che non cala anche sotto la pioggia.

Ci stupiamo di quante persone entrano uno dopo l'altra, non riusciamo a quantificare quelli già all'interno ma sembra ci sia già tanta gente. Ma in che condizioni ?

CURIOSITA'
All'entrata questa volta invece del cartone o della sedia si vendono per lo più le buste di plastica. Prevedendo quindi le condizioni del prato, il business è ora quello dii ombrelli e buste nere che andavano a ruba.
Per quest'ultime 100 Jay l'una, una furbata, che però può salvare un paio di scarpe costose.
Il nostro consiglio e di utilizzarne due per piede, visto che non sono molto resistenti.

IL MAIN STAGE ALLAGATO
Resistono tutti, nessuno esce nonostante il piovigginare, invece brutte notizie arrivano dal palco, essendo aperto da tutti e quattro i lati, si è allagato. Si ferma la musica per ragioni di sicurezza.

Ras Shilow viene interrotto per impraticabilità, invece di andarsene per intrattenere la gente canta solo con il microfono sotto un ombrello che non lo copre affatto. Si inzuppa totalmente, Performance coraggiosa ed apprezzata, purtroppo le forze della natura prevalgono, si spegne.

Momenti di sconforto, nessuno sa cosa accadrà, dalle nostre parti in tanti sarebbero andati via ed invece no, al Rebel Saluti tutti in attesa che riprenda e ci si copre come si può.
Sono passate da poco le 11 di sera e nulla lascia ben sperare. Il maltempo perversa e pensiamo ad una disfatta ma fortunatamente improvvisamente smette.

In breve tempo il palco riparte. Non pioverà poi, per tutta la nottata ed il cielo coperto al mattino renderà più fresca l'aria. Quasi una fortuna se non fosse per il fango.

Il backstage è una palude e l'area media è difficilmente raggiungibile, proibitivo arrivare alla Herb Curb ma è l'area VIP in condizioni allucinanti.
Ci scusiamo per il Reportage della Ganja Yard causa maltempo.

SHOW TIME

Little Hero è uno tra i primi a dare un ottimo segnale di ripresa quello ci ci voleva, seguito da Jahmiel e poi sale la "chicca" di quest'anno, per la prima volta due donne, Althea & Donna quelle della super hit - Uptown Top Ranking. Cantano poco e sembravano intimidite dalla tante persone presenti ( vedi video )Sulla stessa band, Pablo Moses con i suo stile inconfondibile.

Dal roots alla dancehall, il passaggio è ancora più forte se salgono DING DONG accompagnati da ballerini. Uno dei due improvvisamente salta su una cassa poi a cavalcioni sulla rete che divide l'area VIP dal pubblico. Si mette a cantare la super hit "Holiday" la gente apprezza.

Un duetto a distanza uno sul palco, l'altro sulla rete divisoria, poi di nuovo insieme in un ottimo ed energetico show.
Dopo l'ondata di vibes esce Queen Ifrica. E' vestita in modo insolito, ha una parrucca grigia dai lunghissimi e grandi dreadlocks che poi si toglierà per continuare. La Queen trova sempre qualcosa per sorprendente per il suo pubblico.


Sarà invece l'esibizione di Luciano ad essere maggiormente ricordata. Luci è molto più energico e mistico di quello visto in precedenza. Parla molto con la massive e non dispensa la sua capriola che esegue sempre con un boato in risposta

The Messanger fa un vero sermone incentrato sul momento critico in cui l'isola sta attraversando. "Fermiamo tutti insieme la violenza, ci sono i nostri figli la fuori". Detto da lui dopo l'assassinio del figlio, ha un peso maggiore.
Lo show prosegue, invitati a sorpresa Beres Hammond a catalizzare il gradimento con boati e grida, Luci lo abbraccia più volte e concede un'altra song è di quelle che fa impazzire tutti i presenti. King Beres esce poi velocemente salutando da vero gentleman.

Fuoco e fiamme stanno abbattendosi, è l'ora di "King of Fyah", che arriva correndo dalla seconda entrata spiazzando tutti. Capleton da una bella scossa e tanto fuoco che servirà poi per continuare.

E' sempre difficile cantare dopo un Bobo con energia allo stato puro, ma qui piace soprattutto il Roots e cosi Freddie Mcgrecor fa un ottima performance e viene ricambiato alla pari.

Siamo giunti al mattino la luna lascia il posto al sole e la notte alla luce.
Quello sembra I Octane, si è lui, strano cammina lentamente sul main stage.
Si ferma dice di voler stare tra la gente nonostante il fango, si toglie le scarpe e scende nell'area Media, si avvicina sempre di più verso di noi.
Sceglie la sedia di RR per lasciare un impronta, saltare e raggiungere il palchetto improvvisato sotto la telecamera dell'area VIP. Tutto ripreso in diretta video.

Stupendo quando fa cantare i presenti e muovere le bandierine su "One Chance" l'ultima hit che condivide con Ginjah. Buona performance anche per I-Octane.

Il cielo si copre, fa comodo non avere il sole che ti abbatte e toglie le ultime energie.
Ci pensa Barrington Levy, entra con "Murderer" , ne intona una dopo l'altra ed il coro lo fa gente presente. Impressionante, una delle migliori performance di questa due giorni.
Barrington con la sua voce strega la massive, non vogliono più che se ne vada, lui scherza e li punzecchia ma è realmente così. A sottolinearlo ritornano le trombette e gli viene concesso un breve extra time.

Ed ora chi vedremo ? Una delle più belle voci ritoran Romain Virgo che indovina il suo show e la massive torna a danzare. E' dura invece per I-Wane poi riuscire a mantenere l'attenzione alta. Così come per Gyptian nemmeno lui è riuscito a coinvolgerci.

Ci vuole l'Energy God, Oneal Bryan , perché i cattivi qui al Rebel, perdono il loro nome artistico e si esibiscono con quello anagrafico ma soprattutto qui sono vietate le bad lyrics e lo slackness.
Uno show pulito di Elephant Man lo avete mai visto ?

Ele non si è fermato un'attimo, salta e canta fin quando rischia parecchio salendo su una montagna di casse. Lo show convince tutti meno le acrobazie e non si è visto avvinghiare nessuna donna.

Sanchez e poi Pinchers, il bandolero da qualcosa in più.

L'ultima possibilità è affidata a Fantan Mojah, quella di chiudere il festival con un extra vibes ma ormai sono le 10 del mattino in pochi hanno resistito alla lunga maratona nel fango.
Chiusura senza botto finale, ma pur sempre una lunga giornata di meravigliose vibrazioni.

Ancora una volta il Rebel Salute si è distinto per qualità nel suo 25esimo anno. Nonostante le condizioni ha resistito al mal tempo ed ha dato vita ad una due giorni di full immersion Nella musica, tra presente e passato, con show unici che si vivono solo se sei presente nella yard del Rebel Salute.

Non è finita. in arrivo le Gallery e Video del Rebel Salute con tutti gli artisti

#reggaerevolutionit

 

E' il festival che Preserva la Musica Reggae e che rinvigorisce la tradizione Rastafari visto con i nostri occhi anche nel backstage. All'interno non si vende carne ne alcolici, è un istituzione Ital (vitale). Non solo stand ma anche la Herb Curb, la Ganja Yard per la terza volta confermata con il simposio, bancarelle e ristorantini riempono l'enorme struttura che affaccia sul mare, con una deliziosa spiaggetta costruita da poco.

Siamo in Jamaica, al Plantation  Cove nel parish di St Ann in occasione del compleanno di Tony Rebel. Per noi di reggae Revolution, una ricorrenza speciale, è la 15° presenza consecutiva.
All'entrata troviamo la busta che ufficialmente ci accredita come Media e ci da accesso a tutte le aree illimitatamente e naturalmente nel backstage
…. pronti per questa nuova e grande esperienza musicale. Ringraziamo per questo l'organizzazione.

METEO

E' dall'inizio dell'anno che il mal tempo la fà da padrone, solo poche giornate di sole, vento e pioggia sia abbattono sull'isola in continuazione.
Sale così l'apprensione per la messa in onda del festival che per fortuna riesce a svolgersi senza impedimenti ma con un grande compromesso, il fango, che renderà inaccessibili diverse zone ed impossibile il nostro lavoro di interviste e jingle, soprattutto nella giornata di Sabato.

BIG NEWS

La notizia del giorno è, la presenza  di Andrew Holness.
Caspita,  il presidente della Jamaica viene  al Rebel Salute. Lo vediamo arrivare scortato da diverse auto, muovendo fiumi di fango, vestito con cappellino e maglietta con i colori della Jamaica, si accomoda davanti al palco a pochi metri da noi.
Solo dopo scopriamo che Kevin dei Mighty Mystic, è il fratello di Holness, il Primo Ministroin carica.
Non sono mancate i riferimenti a Garnet Silk con la presenza del figlio sul main stage in diversi show a ricordare l'amico ed il fratello scomparso tragicamente.

SHOW TIME

Come sempre un Nyabinghi apre l'edizione, ricordando che questo è un vero festival Rasta.
Il  traffico e la pioggia pare abbia ritardato l'arrivo dei cantanti. Così il line up non si può stabilire con precisione. Così accade che Vershon , suona troppo presto, con poca gente meritava di meglio.

Poi altri giovani emergenti e bisogna attendere l'esibizione di Big Youth , il suo show è di grande impatto è arrivano i primi big up e i suoni delle trombette. Dopo qualche canzoni è il primo a parlare sulla situazione di violenze tremenda di quest'ultimo periodo.

Dopo di lui King Sounds, a seguire il fratello del Presidente che milita nei Mighty Mystic. Poi Daville che fa salire la temperatura, quando invita Marcia Griffiths. Cantano la loro combo “ All My Life” .
Nell'intermezzo si affacciano i primi ballerini sul sound, per il cambio band.

Si è fatto mezzanotte, l'ora in cui esce il Patron Tony Rebel. Eccola arrivare.
Un entrata simpatica con “ I'm Rebel  Tony Rebel ! sul celebre brano di Marley.
Tony si può permettesi a casa sua anche di scherzare con tutti compreso Holness ancora sotto al palco. Lo sfottò fa divertire tutti.
Il Ministro poi intervistato dalla Rebel TV, conferma che è in veste di fan di suo fratello ma anche che condivide appieno i valori unici del Rebel Salute.


Jc Lodge  è il primo show di una donna, ci tiene a sottolineare le poche presenze femminili bisogna dare più spazio,  ma qui al Rebel è diverso a seguire un'altra donna è Glacia Robinson.

Il fango inizia a penetrare nelle nostre scarpe in questi giorni di pioggia si è inzuppato il prato e il backstage è una palude.

Bushman riporta alta la vibes con una performance molto positiva. Zamunda molto energico da il meglio in poco tempo a disposizione lasciando spazio a Lutan Fyah che riprende il messaggio di non violenza anche questo uno show troppo breve.

E' tempo di Charly Black che spinge ancora ed ancora a frenare la violenza. Si ferma dopo il discorso fa salire Tony Curtis per cantare Hallelujah.  Momento da ricordare,
La track sta aprendo le session di tutti i party sull'isola è una super hit al momento,  nelle dance ed anche qui al Rebel si alzano accendini e luci dei cellulari.

Tocca a Cocoa Tea mantenere alta la vibrazione, ma non c'è problema, il rastaman è un maestro in questo e riesce addiritura a sorprendere, 

quando invita Koffee una giovanissima ragazza. Prende tre forward, nonostante la giovane età ha gia un hit, si chiama “Burning “ ed è stupenda .


Bravo Bugle, entrato fortissimo ha dato un grossa scossa necessaria per rivitalizzare chi stava sonnecchiando. Meno  Jah Vinci,  poi cambio band.

Stanno per salite una band internazionale, sono i Third World, il picco si tocca quando intonano una canzone lirica “ Con Te Partirò” (vedi video).
Solo noi italiani conoscevamo le parole, la gente ci guardava stupita.



E' l'alba, è ora di una conferma quella di  Jesse Royal con il suo nuovo album Lily of da Valley, qui è  amato dalla comunità rasta e riconosciuto come nastro nascente.



Ormai c'è la luce, il sole sale, c'è bisogno dei più forti per dare energia di prima mattina , azzeccatissima l'esibizione di Agent Sasco.

Cambio band ancora, ma Richie Spice non convince troppo alle 7 del mattino.
A chiudere per il secondo anno consecutivo è Anthony B,  forse nella 25esima edizione aspettavamo qualcosa di diverso.
Sono le 8;30 orario ufficiale di chiusura.

HERB CURB
La Ganja Yard è cambiata questa volta è raccolta sotto un' unico grande tendone, causa pioggia, piuttosto che la solita area dedicata come accadeva nelle passate stagioni. La novità tra gli appassionati, è quella coltivata con le lampade, costosissima rispetto al classico spliff locale ma con più alto contenuto di THC.

LA NOVITÀ
Sono i dancers,  mai così numerosi. I ballerini, un incredibile risorsa che ha sempre viaggiato di pari passo alla musica è un business crescente e rivalutato anche nel festival.
Saliranno diverse gruppi a danzare accompagnando gli artisti durante la due giorni.
Sono una nuova tendenza mondiale che sta spopolando.

Seguiteci nella seconda nottata del Rebel Salute Part 2 con numerosi artisti

#reggaerevolutionit

Un evento culturale, alla riscoperta di una pianta dai 1000 usi, che veniva coltivata nel bel paese per la sua utilità e per le sue capacità di rigenerare il terreno. Era un ottimo buisness allora eravamo tra i maggiori produttori in Europa.

Non si sa il perché è stata criminalizzata, come direbbe Peter Tosh. Introdotta nella lista dei stupefacenti, messa praticamente da parte.

 

Non importa se è Canapa o Erba con o meno senza thc, sta di fatto che continuano in Italia i sequestri di campi, rovinando i raccolti per poi scoprire che chi la produceva era in regola.

Purtroppo per chi l'ha messa da parte dovrà risvegliarsi, perché la Marijuana tolta del suo principio “attivo” è di enorme utilità nei casi di epilessia li azzera se la somministrazione è costante.

Davanti ad altre numerose scoperte mediche, una lista tanto lunga da non poterle elencare ad una ad una, in Italia. Non rilascia controindicazioni, bella differenza dai farmaci. Da noi in pratica non si tutela il diritto a curarsi.

 

Ecco perché Canapa in Mostra è un evento altamente CULTURALE, perché anche se pensiamo a suoi innumerevoli usi, vedendo la fiera irradiata da musica ed i sempre più numerosi stand, c'è sempre una novità che non immaginereste che è stata introdotta da poco e che vi lascerà di stucco.

Ogni giorno si può partecipare liberamente alle conferenze sempre più interessanti da seguire.

Sicuramente la nuova legge passata in questi giorni al Senato uno dei temi più caldi Anche il cibo, la pizza e la birra, una degli elementi distintivi di CANAPA IN MOSTRA dal 27-28-29 Ottobre 2017 a Napoli.

 

Per tutti gli approfondimenti e sugli orari, potrete leggerli dal sito ufficiale qui

Canapainmostra.com

 

Reggae Revolution.it accreditato all'evento, Ci troverete trai corridoi o fuori nel giardino per fare il nostro reportage esclusivo.

 

 

 

 

 

InizioPrec12345SuccFine
Pagina 1 di 5