Con l’entrata in vigore da pochi mesi delle nuova legge sulla ganja la depenalizzazione è entra al centro del mirino. Se era chiaro la quantità massima  per il possesso un massimo di  2 ounces, (non 3 come avevamo precedente pubblicato, pari a 56 grammi), mancava un pezzo importante dopo la dichiarazione della polizia di non metter su nuove piantagioni senza licenza. Sotto la pressione degli  avvocati finalmente il governo ha sbloccato la questione

Il ministro della Giustizia, il senatore Mark Golding ha chiarito che ogni famiglia può possedere un massimo di  cinque piante di ganja ai sensi della legge sugli stupefacenti comunemente chiamata la legge sulla Ganja.

Dal momento che l'entrata in vigore della nuova legislazione nel mese di aprile, molte persone, tra cui avvocati hanno voluto chiarimenti su come interpretare  situazioni in cui vengono ritrovate piante nelle  abitazioni e case popolari.

Rispondendo alle domande in un recente incontro Golding dice in queste circostanze ogni famiglia può possedere cinque piante di marijuana, in base alla legge.

Resta a questo punto un ultima questione,  le multe per il possesso di ganja.

Non ha ancora affrontato la questione in quanto sostiene che non è un meccanismo per la generazione di reddito per il governo.
Ma questa ultima questione l’affronteremo in un prossimo articolo.

Pubblicato in News
Martedì, 05 Maggio 2015 16:14

LA 3° GANJA MARCH IN GIAMAICA – REPORT

Grandi speranze dopo la ganja march, così titola uno dei maggiori quotidiani locali.

Facile salire sul carro dei vincitori ? Sicuramente si, in questo caso, in questa edizione boom in segno della vittoria dopo l'approvazione della legge sulla depenalizzazione e dopo centinaia di anni di lotta e persecuzione svanite.

Anche questa terza Ganja March sarà ricordata per il forte messaggio di identificazione della ganja nella cultura RastafarI. Il corteo invece ha avuto come obiettivo quello di raccogliere sostegno per fermare il controllo delle grandi multinazionali. Che il governo tuteli il diritto di nascita. In sostanza si richiede che di riconoscere il diritto la dove è nata.

 

COME E' ANDATA

 Il corteo è l'ultimo tentativo di Bunny Wailer di far luce sui recenti cambiamenti nella legge giamaicana, quanto riguarda l'uso e la produzione di marijuana.

Il percorso è di ben 74 km da Emancipation Square in Spanish Town, Morant Bay fino a St Thomas ricordando la marcia di Paul Bogle del 1865 ora eroe nazionale.

La manifestazione è stata un mezzo per ricordare il 150 ° anniversario della ribellione di Morant Bay, di cui Bogle, un diacono battista è stato ptotagnista.

"Il corteo è stato ben supportato con 40 a 50 veicoli,"

Presenti Bunny Wailer, Denroy Morgan ed alcuni membri dei Mystic Revealers tra gli artisti.

Per i soliti problemi burocratici con le forze dell'ordine, un lungo ritardo ha fatto slittare la partenza

In una precedente intervista Jamaica Observer, Wailer ha affermato che la ganja è inseparabile dalla cultura rastafari. Ha aggiunto che il corteo è quello di raccogliere sostegno per fermare il governo e controllo delle grandi multinazionali che cosa vede come il loro diritto di nascita.

"Ganja è Rasta".

Il 15 aprile, il ministro della Giustizia, il senatore Mark Golding, ha annunciato emendamenti alla Dangerous Drugs Act che depenalizza parzialmente piccole porzioni di ganja per uso ricreativo, religioso o medico.

 

Pubblicato in Rasta

L'University of Technology della Giamaica (Utech) e l'Università delle Indie Occidentali (UWI) saranno i primi due istituzioni a cui saranno assegnate le licenze di crescere la marijuana a fini di ricerca in base alle nuove disposizioni della legge che è entrata in vigore ieri. Il Ministro della Scienza, Tecnologia, Energia Phillip Paulwell ha fatto l'annuncio ufficiale ieri

Mentre il paese si muove per costruire un settore dedicato alla ganja medicinale, è fondamentale per le istituzioni di ricerca avere l'autorità necessaria per coltivare la pianta.

Paulwell ha sottolineato che, così com'è ora, le istituzioni possono utilizzare marijuana per la ricerca, ma sotto il controllo della polizia. Ha poi sottolineato che le licenze avranno condizioni rigorose. "Non è un libera a tutti " . Il mercato è abbastanza grande per ospitare piccoli e grandi agricoltori e ha esortato la cooperazione e la condivisione delle informazioni per consentire la condivisione dei benefici previsti.

La licenza sarà per un periodo determinato e oggetto di monitoraggio delle attività di ricerca per assicurare che siano in linea con quanto approvato.

Lo sviluppo del settore medico dovrebbe essere uno dei principali vantaggi della decriminalizzazione della ganja sotto lo sguardo di un Authority Cannabis Licensing, che è responsabile per la creazione di una canapa regolamentato. Il fatturato è stato stimato per 2,5 miliardi di dollari solo negli Stati Uniti.

La legge è entrata in vigore poco più di un mese consente anche il possesso a queste condizioni:

Le persone trovato in possesso di due once o meno della sostanza non avranno la fedina penale sporca, ma dovranno invece pagare una multa di 500 dollari entro 30 giorni. Coloro che non riescono a pagare la sanzione dovranno comparire davanti al tribunale, dove dovranno pagare una multa 2.000 dollari.

E' vietato fumare in luoghi pubblici. Infine c'è una tutela per i minori che considerati dipendenti dalla sostanza varranno segnalati al Consiglio nazionale on Drug Abuse.

 

fonte: Jamaican Observer

 

Pubblicato in News