Ci siamo imbattuti in documento unico pubblicato qualche anno ma dagli effetti ancora reali, è disponibile in rete sul sito delle fonte il Caribbean Today. Descrive il tentativo da parte di Sizzla di imporre unilateralmente se stesso come Presidente di tutti i Rasta in Giamaica.

Fin'ora non c'è mai stato un unico presidente in rappresentanza di tutte le casate. L'artista mira a quella carica come leggerete anche con metodi poco ortodossi.

Il documento racconta che negli ultimi anni l'artista ha tentato di sfruttare il controllo del Nyahbinghi Ancient Council utilizzando denaro, influenza e teppismo. Alla fine erano dalla sua parte sei dei 24 anziani influenzati dal suo gioco di potere quello di diventare il primo 'Presidente Rasta'.

Sizzla sostiene di essere stato eletto 'Presidente', ma alle elezione non c'erano altri candidati. Inoltre, Collins, non ha avuto l'approvazione ufficiale delle tre principali case del movimento, il Nyahbinghi Theocracy Reign Order, i Boboshanti e le 12 Tribes of Israel.

La cosa inquietante e che Sizzla nel discorso presidenziale d'inaugurazione, una sceneggiatura preparata, recitava la seguente frase :

"Ci stiamo organizzandoci come il vero governo indigeno Ras Tafari, con un presidente eletto per le persone di colore nella diaspora".

Collins sta cercando di diventare il rappresentante legale/costituzionale del popolo "indigeno".

Se è innegabile che vi è un vuoto nel movimento Rastafari. Quel vuoto poteva esser riempito da Kalonji.

Il movimento Rastafari non ha mai avuto un presidente, quindi per un artista senza qualifiche se non fama e fortuna discografica, essere unilateralmente proiettato ad essere capo di tutto il movimento utilizzando mezzi subdoli è assolutamente ridicolo.

Rastafari e Reggae sono due entità separate, anche se molte persone credono erroneamente che siano la stessa cosa. Ancora più importante, i soldi, la fama e la popolarità non qualificano nessuno alla leadership del movimento Rastafari.

Bob Marley non ha mai tentato il controllato del movimento Rastafari e Peter Tosh nemmeno.

I grandi artisti hanno lasciato a quelli più qualificati di loro a coprire cariche del movimento.

Il dilemma attuale di fronte a Rastafari è come trattare con questo deciso tentativo di prendere il controllo arbitrario del movimento.

Non illudetevi che Collins è determinato a ottenere il controllo e non finirà qui.

Nel corso degli ultimi due mesi, la sorella Mitzie Williams, presidente del Theocracy Order’s Administrative Council in Jamaica, ha ricevuto telefonate minatorie esortandola a sostenere il nuovo 'Presidente Rasta'.

Non è mai accaduto prima nella storia del movimento.

Quindi, se si ama davvero la Cultura Rastafari, non saltiamo ciecamente sul carro di Sizzla. Il suo ordine del giorno e la metodologia non possono migliorare il movimento.

Come disse Bob Marley: "... Io non voglio che il mio popolo venga ingannato da mercenari!"

Uno dei momenti più eclatanti e solo ora aver letto quest'articolo capiamo, quando al Rebel Salute Sizzla sia stato così vicino al potere portando tutti gli anziani sul palco con lui nella serata di chiusura del festival

Questa volta a documentarlo ci sono i nostri video.  Quelli di Marco Polo della Family di Reggae Revolution a testimonianza  nel 2013 mentre nel 2015 Sizzla si esibirà di nuovo ma questa volta senza gli Elders on stage.

 

 

 

 

 

fonte : Rastafari reject Sizzla as their ‘president’

Written by Meesha Robinson http://www.caribbeantoday.com

 

Pubblicato in Rasta

Curiosa questa notizia, che ha dell'incredibile. Sorprende nel fatto che Sizzla partecipi ad un evento organizzato a Falmouth, dalla polizia per la propria comunità,ed esce di testa usando imprecazioni. La nostra fonte non rivela cosa in realtà abbia detto l'artista giamaicano ma certo è che denota un intelligenza spigliata a cacciarsi nei guai. Forse non era meglio non andarci proprio.

Non riusciamo a capire come possa essere successo. Sotto gli occhi e le orecchie di centinaia di poliziotti deve evidentemente avergli rovinato lesta. Immediatamente denunciato arrestato e rilascio con una ammenda.

La polizia Falmouth ha confermato martedì Sizzla è stato arrestato e successivamente rilasciato per l'utilizzo di imprecazioni durante la sua performance organizzata per il Safety & Security Branch.

 Multato di 1000 dollari, alla stazione di polizia a Falmouth, dopo che si è dichiarato colpevole delle imprecazioni nello show.


Pubblicato in News
Ancora un esclusiva per dall’ultima edizione del Rebel Salute 2015, vi proponiamo un nuovo video. Stiamo parlando dell’esibizione esplosiva e completa di Sizzla a chiusura del festival. E’ ormai mattina ed il sole si alza su Ochio Rios, la stanchezza dopo ben due nottate si fa sentire e come.
 
Sul prato ancora tantissime persone che attendono la chiusura, soprattutto aspettano un esibizione energetica che tiene svegli e regali le ultime energie per arrivare fino alle 10 del mattino dopo una lunga nottata o due.
 
Sono pochi gli artisti che possono regalare energia allo stato puro, così quest’anno come ultimo show nella prima giornata nel venerdì arriva FireMan Capleton mentre per la seconda un altro Bobo dread.

Il nostro Marco Polo è riuscito ancora in un'altra mission, quella di filmare un esibizione spettacolare totalmente diversa da un concerto europeo.
Vedere per credere e poi commentate pure.


Sizzla Kalonji VIDEO ESCLUSIVA @ Rebel Salute 2015

 


 

 

Marco Polo RR.it Crew - Negril Jamaica
http://www.likkle-but-tallawah.com

 

 

Pubblicato in Reportages