RasAle

RasAle

Pochi in Italia a causa del fuso orario hanno potuto seguire l'evento on line.

Quello che vedrete ha dell'incredibile. Uno scontro epico che non si vedeva da anni tra Bennie e Bounty .Un coinvolgimento che non ha pari, impossibile rimanere impassibili dalle vibrazioni che gli artisti riescono a trasmettere. Anche se ci separa un monitor o un vetro di un telefonino, Bennie e Bounty hanno letteralmente bucato lo schermo !

Oltre 500.000, mezzo milione di persone in diretta e con essi nomi illustri come il presidente della Giamaica Andrew Holness che sottolinea che l'inno suonato prima del clash lo ha reso orgoglioso, a Rihanna che in un Tweet “Di 'agli ufficiali di tornare a casa “ quando lo show è stato a rischio chiusura. Perfino l'intervento del ministro della cultura che .

Ancora una volta la Giamaica con i suoi artisti, anche in tempi Covid, dimostra ampiamente che nel campo dello spettacolo e della musica nessuno può competere. Si può copiare, prendere d'esempio, riproporre ma mai essere così originali ed innovatori.

Bellissima la chiusura con One Love con la song la figli di Beenie in braccio che dimostra quanto più che uno war tra gli artisti sia stato una collaborazione unica a riportare l'attenzione del mondo intero sulla Giamaica.

Perché è intervenuta la Polizia ?

Molti hanno pensato alla chiusura, sembrava essere ritornati alla normalità quando gli officers fanno finire malamente un concerto. Ma attenzione se avete letto le nostre news in Giamaica, attualmente vige il coprifuoco. Da una certa ora in poi tutti in casa.

Lo show non si è capito se era autorizzato o la Grange, dinnanzi ai risultati dello show abbia fermato la polizia.

L'intervento della polizia durante lo show



"Gente, la polizia è qui" annunciò Beenie Man, salutando gli sbirri rimasti fuori dalla telecamera.
Lo show è stato trasmesso in streaming in diretta dalla TV internazionale.
Non possiamo farlo proprio ora. Il mondo ci sta guardando. Abbiamo 500.000 persone che ci guardano in tutto il mondo.
A quel punto, Bounty Killer era uscito dallo schermo.

Man in tanti si ribellano scrivendo messaggi come Rihanna che scrive in diretta “Di agli ufficiali di tornare a casa", la pop star la pubblica su Instagram.

Tuttavia, il ministro della Cultura Olivia Grange ha dichiarato di essere felice che la situazione sia stata risolta.
Grange ha confermato di essere stata informata dalla Solid Agency per facilitare l'evento e stava aspettando una lettera formale dall'entità.
"Non ricordo di aver visto quella lettera ma non sarebbe stato un problema. Non avevo dubbi che se ci fosse mai stato un problema, è stato risolto amichevolmente", ha detto Grange.

In precedenza, il Primo Ministro Andrew Holness aveva twittato che si stava godendo lo scontro tra i due veterani della dancehall.

Il risultato è stato che per una notte la Giamaica ha vinto.

Alla fine, la Grange ha affermato che lo scontro ha cancellato ogni possibile dubbio che la Giamaica sia la capitale del divertimento del mondo. E' stato dimostrato di nuovo stasera con quante celebrità, sia locali che internazionali, sono state sintonizzate sullo clash", ha detto.

 

 

Robert "Bobby Digital" Dixon, uno dei produttori musicali di maggior successo che ha segnato il passaggio dall'analogico verso il digitale.

Indimenticabile la sua collaborazione con Garnet Silk, purtroppo è morto in Jamaica giovedì 21 Maggio all'età di 59 anni.

Suo figlio, Sheldon "Calibud" Stewart, ha riferito al Jamaican Observer che il padre non è riuscito a superare una malattia correlata ai reni.

Bobby era nato ad Olympic Gardens una zona di Kingston, stimatissimo anzi era  il miglior nella team di  Lloyd "King Jammy" James con il quale ha iniziato la sua carriera come ingegnere del suono.

Dixon ha prodotto diverse canzoni di successo di Shabba Ranks a partire dalla fine degli anni '80 Peenie Peenie. La loro formidabile collaborazione ha anche prodotto grandi successi come Just Reality, Live Blanket e Wicked In a Bed.

Altre hits successo prodotte da Dixon sono state  Till I'm Laid to Rest di  Buju Banton, Cocoa Tea and Admiral Tibet's Serious Times, Garnet Silk's It's Growing e Black Woman and Child  di Sizzla

Ha anche prodotto Don't Haffi Dread, la canzone e l'album rivoluzionario dei Morgan Heritage.

 

Robert "Bobby Digital" Dixon lascia sua moglie Merva, tre figli, due nipoti, una sorella e due fratelli.

Fonte: Jamaican gleaner

 

Consigliamo

 

 

Chiudiamo con questo articolo, questo portale, che ci ha regalato tante soddisfazioni e la possibilità di condividere momenti importanti con i nostri lettori, tranquilli non è un addio è solo un arrivederci.

È in arrivo il nuovo magazine che ci offrirà maggiori  possibilità di iterazioni e ci aiuterà a stare più in contatto come una vera comunità. È necessario chiudere per qualche settimana per poi riaprire quanto prima . Un evento annuncerà la nascita del nuovo.

Chiudiamo con questo articolo, scritto da Deertibo, che si è unito a noi insieme ad altri fratelli,  nel momento difficile di questo covid 19.

Chiudiamo con questo articolo, per segnare il passaggio dal vecchio al nuovo, con un argomento nato da una riflessione sul modo social di oggi :

Apparire ad ogni costo in tempi covid ...

DEM A POSER?

Un semplice quanto bizzarro quesito di recente è diventato tema di discussione tra i reggae lovers : vi è una contraddizione nel promuovere la reggae music tramite l'uso massiccio di dirette su Instagram o altri social ? - Magari pompando  "Dem a poser" di Alborosie?
C'è da dire che in questo periodo gli artisti hanno trovato inevitabilmente nei social l'unico sfogo, l'unico canale di contatto con le massive, che ha ovunque risposto con calore (se pur filtrato da uno schermo), ma la tendenza era già ben avviata da tempo.
Molti infatti gli artisti che hanno - direi esplicitamente - puntato ed essere influencer più che performer, ed i vecchi rootsman che profumano di vero e di passione sono ora più che mai gemme rare.
D'altro canto gli artisti emergenti, e non solo, non possono prescindere dalla necessità di apparire, anche prima di questa situazione, i social hanno rappresentato una vetrina vitale laddove i palchi sono diventati quasi sconvenienti per difficoltà e interessi che tormentano l'industria della musica e della musica reggae in particolare.
 
In fin dei conti credo che sia importante il messagio che si comunica al proprio pubblico, c'è differenza tra cercare di apparire ad ogni costo e cercare di essere sempre vicino alla propria gente.
Ogni artista ha comunque il diritto di sentirsi libero di esprimersi nei modi che trova a se più congeniali, senza mai dimenticare che da un promotore di cultura reggae ci si aspetta sempre una consapevolezza dell'influenza che si può avere sulla massive, al fine di sfruttarla impegnandosi ad essere da esempio come portatori veri e genuini dei principi tramandati nei nostri amati vinili.

Articolo By Deertibo

 

La seconda parte di questo articola continuerà sul nuovo portale

Arrivederci a presto e seguiteci per l'Evento di apertura .... Bless Up

La Redazione

 

 

 

Ci uniamo alla lettera di protesta di Mariano Caiano in arte Ras Hobo, dopo il vergognoso episodio accaduto in epoca Covid, durante un fermo del batterista della nota band “Ponzio Pilates” .

La frase infelice pronunciata dall'operatore dello stato fa scattare la reazione del cantante napoletano tanto da spingerlo a scrivere una lettera a Giuseppe Conte, Presidente del Consiglio.

Quello che è accaduto fa assolutamente riflettere sulla triste situazione del mondo dello spettacolo. Anche se le priorità sono per le cosiddette "cose utili”  quanto tempo passerà prima che riaprirà l'intero settore ?

Durante l'intervista telefonica, siamo venuti a conoscenza della probabilità che la macchina dello spettacolo possa mettersi in moto non prima della primavera 2021.

Ci ha raccontato inoltre per filo e per segno, cosa ha fatto scattare l'impulso di scrivere al Presidente del Consiglio

 

I FATTI :

“Fare il musicista non è un lavoro, ma è un hobby”.

Questa infelice frase è stata pronunciata da un carabiniere che -per un controllo- ha fermato il batterista della nota band “Ponzio Pilates” e lo ha multato contestandogli la motivazione “lavoro” per il suo spostamento dovuto al recupero dei suoi strumenti musicali necessari a creare video dirette per social, oltre che per studiare. 

Tanto è accaduto il 28 aprile scorso in Romagna. 

 

Ras Hobo non è rimasto per niente indifferente a tale episodio al punto che, stizzito (e non poco), ha deciso di scrivere una lettera al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte e al Comandante della Stazione dei Carabinieri di Viserba.

L'artista reggae, da anni sulle scene italiane “in levare”, consapevole che il suo messaggio forse non sortirà alcun effetto (data la mole di lavoro che il Presidente del Consiglio sta affrontando in questi giorni particolari) ha voluto comunque esprimere il suo profondo rammarico per la concezione che non pochi hanno sulla professione di musicista.

Ras Hobo questa volta ha deciso di “cantargliele” così e per tutti i Fratelli e Sorelle che hanno fatto della Musica il loro LAVORO.

 

Questa la lettera inviata da Mariano Caiano aka Ras Hobo al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte ed al Comandante della Stazione dei Carabinieri di Viserba

 

Destiny è il primo singolo estratto da 'City Lights' (prossimo ep dell'artista Lion Warriah) in collaborazione con Marina P, artista italiana che vive a Parigi e che annovera tra le sue collaborazioni artistiche produttori come Stand High Patrol e Mungo's Hi Fi.

Destiny è un brano ispirato alla vera amicizia, quella va oltre le difficoltà, le distanze, che persiste e si riscopre nel tempo, vissuta in maniera intensa come fosse un amore.

"My destiny is your destiny if we stand united, I'll provide for us, my friend". Destiny è un inno, una lo-fi ballad, un brano che colpisce ed emoziona dal primo ascolto.

 

Così  Lion Warriah ha introdotto su suo profilo fb l'uscita della nuova video song

" Questo brano fu scritto qualche anno fa in particolare per un amico in un momento in cui supportarsi economicamente, moralmente era vitale per entrambi. Veniamo dalla strada e li ci piace stare, sappiamo quanto una spalla forte può essere fondamentale. E ora che siamo tutti distanti e dispersi nelle nostre incertezze, questo è il mio modo per sentirvi tutti vicini e vicine.

Ah e tutto questo grazie a Bassliner che è uno di quelli che ha abbracciato una mia vision mesi fa e l'ha fatta combaciare con la sua per produrre un ep che suona un pelo diverso dalle produzioni passate, il tutto è nato da un'esigenza creativa di espressione che è maturata negli anni e di sperimentazione e ricerca della forma stilistica.

Grazie Marina P la tua voce mi emoziona ogni volta."

 

Destiny - Lion Warriah – ft. Marina P

Spotify ➤ https://bit.ly/DestinyLW
Streaming & Digital Download ➤ https://bit.ly/Destiny-LW
 
Follow Lion Warriah: Instagram - https://www.instagram.com/lionwarriah
Follow Bassliner: Facebook - https://www.facebook.com/basslinermusic
 
4Weed Records: https://www.4weed.net

 

 

Interessante iniziativa di Macka Diamond, quella di creare un fondo speciale per le donne in gravidanza che daranno alla luce un bimbo durante e/o dopo la pandemia. Insieme ad un servizio di consegna sicuro.

Le donazioni si potranno fare attraverso la piattaforma di raccolta fondi, la più nota si chiama Gofundme. La causa scatenante è stata la morte della 24enne, Jodian Fearon in ospedale, poco dopo il parto. Secondo quanto riferito, alla signora Fearon sarebbe stato negato l'accesso a diversi ospedali, sospettata di sintomi del covid-19.

Macka Diamond ha adottato un approccio proattivo per aiutare le giovani donne in gravidanza in Giamaica, in seguito alla morte della giovane madre, creando un sistema di consegne a domicilio un servizio per  l'acquisto di forniture per le neomamme ed i loro bambini  per evitare contagi.


Le donne incinte ora potrebbero essere spaventate e ansiose, i fondi di gofundme " Pregnant Mothers In Need " all'acquisto di beni necessari per le neomamme ed i loro bambini. Ma soprattutto un trasporto sicuro fino al domicilio, un servizio per aiutare quelle chi potrebbero non essere in grado di permetterselo.

In seguito ha pubblicato un videoclip che fa appello alle giovani madri. Ha fissato un obiettivo di 8000 dollari.

Il primo ministro della Giamaica, Andrew Holness, ha affermato che la Jamaica Constabulary Force (JCF) ha avviato un'indagine formale sulla morte di Fearon. Dopo che la maggior parte dei giamaicani hanno espresso rabbia e shock, per come è morta la giovane donna.

Ha aggiunto: “Il caso deve essere esaminato a fondo. Già, la polizia ha avviato le indagini per determinare se qualcuno è stato negligente. "

 

Link : https://www.gofundme.com/f/pregnant-mothers-in-need

 

Maka official Instagram : https://www.instagram.com/mackadiamond1/

 

 

 

La comunità reggae italiana non smette di ballare e riunirsi

 

Settima domenica di lockdown e sesta edizione del Dancinar, ormai da settimane una dei più grandi raduni di djs sul web, che vede accrescere di settimana in settimana la sua partecipazione internazionale e si afferma come la prima “balera digitale” in Italia dedicata alla black music. Il seguito è molto alto per potradio.it, organizzatrice dell’evento e nuova radio sul web, che ha saputo in queste settimane di distanziamento sociale riunire sotto un unico tetto, la comunità reggae italiana con quella della Giamaica, dell’Antigua, della Germania, della Spagna, del Regno Unito, degli Stati Uniti- una lista di paesi destinata ad allungarsi di settimana in settimana. Così anche il suo seguito: 12.600 ascoltatori unici sul sito della webradio e 67.400 utenti totali, più di 1000 utenti registrati nella chat ufficiale e circa mille i messaggi inviati ogni ora durante le dirette da un pubblico sempre più presente che ha raggiunto picchi di 250 ascolti contemporaneamente e in media ne conta intorno ai 150.

Ci si chiederà che ci sta di tanto diverso dai centinaia di appuntamenti sul web che si incontrano quotidianamente da due mesi a questa parte. Il Dancinar non propone solo beat per farti ballare in salone, il Dancinar riunisce una comunità che non è solo spinta dall’amore verso lo stesso genere musicale, ma che condivide quella serie di valori sociali che rendono le persone più umane e più attente ai bisogni dei meno fortunati. Qualità che in questi giorni di quarantena stanno facendo la differenza in Italia e nel mondo e senza le quali saremmo solo un agglomerato d’individui concentrati su sé stessi.

Dalle prime liriche dettate da Robert Nesta Marley negli anni 70 questi valori di amore e fratellanza sono stati tramandati per generazioni e hanno fatto il giro del mondo rispecchiandosi oggi in una comunità migliore: la grande famiglia reggae. La stessa che riunisce 300.000 persone ogni estate all’interno del Rototom Sunsplash, in queste settimane di quarantena attraverso il Dancinar fa sentire tutti i suoi partecipanti ancora di più parte di un’unica famiglia – divisa ma unita, lontana ma vicina e costantemente presente nell’arco delle giornate solitarie in cui tutti noi ci troviamo.

Così mentre di domenica dalle 12 fino alla sera alle 22 la maratona musicale si può seguire anche in video sul canale Youtube dedicato ed è possibile assistere così alle selezioni dei tanti dj nazionali ed internazionali coinvolti mentre selezionano dal vivo dalla propria abitazione a turni da 15 minuti l’uno, il Dancinar infrasettimanale si sente solo su Potradio.it, dove 5 soundboys nostrani a turno, dal lunedì al giovedì intrattengono gli amanti del genere dalle 19-21, nelle ore di punta dei telegiornali. Una scelta di orario voluta proprio per venire incontro a chi non ce la fa a seguire il flusso informativo giornaliero e che seduto a casa propria cerca svago durante la fascia serale che più ci bombarda con notizie di non facile digeribilità. Insomma la balera digitale è lì a tenerci compagnia e ad aiutarci a prepararci a un’altra notte di solitudine.

 

La musica reggae si sposa da sempre con la lotta per i diritti umani e per i bisogni dei più poveri e l’anno scorso è stata dichiarata dall’Unesco patrimonio dell’umanità. In ogni angolo del mondo è possibile trovare musica reggae che si fa portavoce delle problematiche sociali del luogo dove nasce. Chi la divulga crede fermamente nell’amore verso il prossimo. “One love, one family” sono gli slogan che più portano avanti questa comunità. Tutto questo è espresso nel Dancinar e in Potradio.it – una webradio nata lo scorso autunno dalla volontà di tre dj e artisti storici della scena reggae romana. Father, o Fada alla giamaicana, Lampa Dread della One Love Hi Powa, supportato da Raina della Villa Ada Posse e dal Sego, storico conduttore di “Daje pure te” su Radio Onda Rossa, uniti da un’amicizia e una collaborazione musicale pluridecennale che li ha portati a far nascere prima la radio, lo scorso autunno, per poi convertirla in un appuntamento sociale importante in questo periodo della nostra vita dove non ci resta che il digitale per restare insieme e sentirsi ancora vicini.

Ormai il comitato del Dancinar oltre alla crew essenziale (Romeo, Roberto, Mickey Tuff, Pierpa, Gatto, Vito YB, Northern Lights) conta più di trenta tra i dj reggae più affermati d’Italia e di fama internazionale. Molti anche gli artisti come i Sud Sound System, Attila, Fido Guido (tanto per citarne alcuni) che si sono già esibiti live durante queste domeniche in lockdown. Ogni domenica la partecipazione internazionale cresce, Sentinel Sound dalla Germania, King Addies (USA), V-Rocket (UK) e 3 Sevens (Antigua), questi i nomi internazionali di domenica 26 aprile, mentre sono già diversi gli artisti come La Marina e Virtus che hanno scritto nuove canzoni che raccontano queste “online dancehall parties” e innumerevoli sono i dubplate per il Dancinar devoluti dalla scena reggae internazionale. Chi ama questo genere ringrazia in chat già da settimane per la compagnia offertagli dal Dancinar durante le lunghe domeniche di quarantena e per offrirgli una valvola di svago durante le ore di punta dei TG.

Sabato sera scorso, a sorpresa poi, è nato anche il primo clash digitale, dove i dj si sono scontrati musicalmente e il pubblico non è tardato ad arrivare per partecipare con la votazione online e per farsi tante risate insieme. A differenza dei consueti clash, questo qui ha avuto un sapore molto goliardico proprio a rimarcare la spontaneità che emerge da 30 artisti lasciati a casa il sabato sera.

Lunga vita quindi al Dancinar con l’auspicio di tante, ma tante idee nuove capaci, come lo sono state finora, ad adattarsi ai tempi che corrono per non farli mai smettere di suonare, perché non lo dimentichiamo, a stare a casa più a lungo in assoluto saranno proprio loro le nostre amatissime dancehall, i concerti e le serate nei locali organizzate da questa grande famiglia di artisti.

 

 

Elis, 27. Aprile 2020

 

 

 

Gruppo Ufficiale facebook.Dancinar

WEB : Dancinar.reggae.it
https://www.mixcloud.com/Dancinar/
https://www.instagram.com/dancinaritaly/

 

Martedì, 28 Aprile 2020 07:57

REGGAE SUMFEST CANCELLATO

Dopo le crociere tutte annullate purtroppo ora tocca dare l'annuncio dello stop di uno dei festival simbolo della musica in levare.

Il Reggae Sumfest  in programma dal 12 al 18 luglio a Montego Bay, St James  è stato cancellato causa dei rischi associati alla diffusione della nuova malattia da coronavirus (COVID-19).

"In consultazione con l'Ufficio del Primo Ministro e con i ministeri della salute, del turismo e dell'intrattenimento, dobbiamo purtroppo confermare la riprogrammazione del Reggae Sumfest 2020. Mentre speriamo e ci aspettiamo che la propagazione del COVID-19 sia contenuto con la continua collaborazione, prendiamo molto sul serio la sicurezza e la salute dei nostri ospiti, del personale e della comunità.

Sollecitiamo tutti a seguire le linee guida e i protocolli stabiliti dal Ministero della Salute e dai vostri funzionari locali per la salute pubblica ", ha dichiarato Josef Bogdanovich, presidente e CEO di DownSound Entertainment, promotori del festival annuale, in un comunicato.

Fino a ieri mattina 350 persone sono risultate positive al test COVID-19 mentre la malattia ha causato sette vittime in Giamaica. Bogdanovich ha avvisato che gli utenti hanno 30 giorni (fino al 27 maggio 2020) per richiedere un rimborso per i biglietti online. Possono richiederlo tramite la pagina Eventbrite dove sono stati acquistati. In caso contrario, i biglietti saranno validi per il riscatto al Reggae Sumfest 2021.

Nel frattempo, il Reggae Sumfest continuerà il suo programma di distribuzione alimentare per aiutare gli agricoltori ed i bisognosi; ci sono anche altre iniziative Reggae Sumfest 2020 che saranno presto rilasciate.

"Reggae Sumfest continuerà a concentrarsi sulla sua missione di celebrare la musica e la cultura della Giamaica attraverso tutti i canali disponibili", ha affermato Bogdanovich.

La prossima messa in scena del Reggae Sumfest è  prvisto dal 18 al 24 luglio 2021.

 

 

La carta igienica vale quanto l'oro n USA, semplicemente perchè introvabile. Rimanerne senza è una nota ossessione tutta americana, In questo periodo di covid 19, spaventati i consumatori ne hanno fatto incetta . Tanto che una piccola isola come la Giamaica, per la prima volta riesce ad esportare e commercializzarla in un mercato enorme quanto inaccessibile come quello USA la sua toilet paper. Ed è festa!

Così titolano sull'isola “La Giamaica fa la storia inviando la sua prima spedizione di carta igienica agli Stati Uniti

La società giamaicana Quality Incorporations VII Ltd. ha realmente imballato e sta spedendo la prima carta igienica negli States. C'è una carenza nei punti vendita dovuta principalmente all'accumulo dei consumatori.

 

In una recente intervista con la rivista Business View, Krishna Vaswani, amministratore delegato di Quality Incorporations VII Ltd., ha parlato della sua visione positiva della Giamaica e di come la società si sta reinventando.

"In crisi c'è sempre un'opportunità ", ha dichiarato l'imprenditore giamaicano Sandor Panton in una risposta tweet all'annuncio della Jamaica Manufacturers & Exporters Association (JMEA).

La Quality Incorporations VII Ltd. hasede a Kingston con circa 75 dipendenti. produce carta igienica in Giamaica dal 2004. E' venduta in tutta l'isola nei punti vendita al dettaglio ed all'ingrosso.

 

Martedì, 21 Aprile 2020 09:07

RIDOTTA LA PENA A VYBZ KARTEL E SHAWN STORM

Se non avete seguito come si è svolto l’appello e di quale sia stata la decisione dei giudici vi consigliamo vivamente di leggere quest’articolo per capire l’intera vicenda ( Leggere qui )

Da allora è passata una settimana intera, noi continuiamo a darvi notizie su come si sta sviluppando il processo in cui ha visto difendersi Kartel ed i suoi fedelissimi. La difesa puntava tutto sui telefonini di Gaza, su come erano stati estratti dati e tabulati,  soprattutto su quella telefonata partita mentre era già in custodia della polizia. Ma ormai è stato emesso il verdetto e la giustizia ha fatto il suo corso.

Cosa è successo solo 7 giorni dopo  ? beh ... potrebbe far saltare dalla sedia i followers di Gaza ma aspettate a cantar vittoria, vediamo i dettagli.

Vybz Kartel e Shawn Storm insieme ai loro due co-accusati hanno avuto una riduzione di pena detentiva.
La Court of Appeal ha annunciato che con la riduzione di due anni e mezzo, Vybz Kartel ora avrà diritto alla libertà condizionale all'età di 70 anni, dopo aver scontato 32 anni, anziché 35 anni.

Shawn Storm dovrà scontare 22 anni e sei mesi anziché i 25 anni iniziali.

Gli altri due co-accusati, Kahira Jones e Andre St. John devono passare in cella rispettivamente 22 e 6 mesi e 27 anni e 6 mesi prima di poter beneficiare della libertà condizionale.

Ecco perché vi invitavamo ad esultare troppo, perché onestamente non sembra una grande vittoria anche se due anni e più, in carcere possono sembrare un’eternità.

Nonostante la condanna ridotta, gli avvocati difensori hanno dichiarato che porteranno la questione al Privy Council. E’ la corte d'appello più alto in grado della Giamaica con sede però nel Regno Unito.

Vybz Kartel e Shawn Storm, insieme agli altri due uomini, sono stati condannati nel 2014 per l'omicidio di Clive "Lizard" Williams del 2011.

 

Intanto Karel continua  a registrare e dominare le classifiche nonostante la detenzione.

 

Vi invitiamo a vedere questo video che canta una vittoria anticipata ma non scontata !

Vybz Kartel - World Government (Official Video)

 

 

 

 

 

 

Pagina 1 di 63